Esse - una comunità di Passioni

Ale B. urla : Vogliamo tutto!

Pensieri in movimento : la Trans Frocial Dyke Mass di Bologna

Ogni frocia è libera di amare /se per questo pure di scopar

ma se è povera e disoccupata / la ricattano pur mamma e papà

e se invece fa mille lavori non le resta il tempo per scheccar

lesbiche, froce, trans e femministe /vogliono welfare e reddito singolar

e sovrane sopra i nostri corpi/ vittoriose alfin libere siam.

(Corale Atlantidea, sulle note del canto partigiano Fischia il vento, urla la bufera)

Sono Alessia, ho 31 anni, e sono una ragazza lesbica italiana. Non sono un’attivista.

Venerdì il senato ha approvato un disegno di legge sulle unioni civili. Questa legge l’attendevamo da decenni.

Una legge che ci tutela ? Io userei piuttosto il termine legge discriminatoria. Essa “concede”, come avrebbe forse fatto un sovrano medievale,  alle nostre vite, ai nostri corpi e alle nostre aspettative solo briciole di diritti, dopo anni di lotte e di rivolte che il movimento LGBT porta avanti con forza e caparbietà.

Da quando il maxiemendamento è stato approvato  la nostra comunità si è divisa in due: alcuni si sono sentiti entusiasti e finalmente tutelati, altri, come me, si sentono ancora più indignate e offese.

Perchè ?  Perchè noi abbiamo chiesto tutto:  parità di diritti e doveri, un matrimonio egualitario e non di classe…. e non da meno rispetto al mio amico, a mio cugino, al mio collega etero.
Io non voglio unirmi,  voglio sposarmi; non voglio tradire ed essere tradita. Voglio amare ed essere amata e rispettata.  Voglio tutto, non mi accontento della metà, perchè sul mio corpo decido io.

Con questo spirito sabato scorso ho partecipato alla trans frocial dyke mass ,  organizzata dalla Favolosa Coalizione, dalle associazioni LGBT e dalla rete delle transfemministe e queer della città, per contestare la mediazione al ribasso che ha caratterizzato la discussione sul ddl Cirinnà.

Ho preso la mia graziellina cigolante,  mi sono armata di k-way e ombrello colorato e mi sono unita alla pedalata, con le compagne ed i compagni di Atlantide, alcune amiche ed amici del Cassero e la gente come me che non fa parte di nulla, ma vive,  lotta, ama e  soffre ogni giorno.

Che fa di tutto per evitare le discriminazioni e vive bene, pur sapendo di non essere considerata eguale agli eterosessuali.

Siamo partiti da Atlantide, a porta santo Stefano, un ex centro sociale LGBTQ punk, che è stato (e continua ad essere dopo lo sgombero) un simbolo delle lotte di tutt* a Bologna.

I nostri animi erano caldi, anche se fuori faceva freddo e pioveva.

Le nostre voci in coro si univano per gridare tutta la nostra rabbia: passando da via Farini verso Piazza Maggiore, la frase che abbiamo cantato e urlato di più è stata: Frocie si ma non con il PD”.

E sì perchè il Pd fa leggi a cazzo!!  Fa leggi “ripiegate”,  ma  noi non siamo un ripiego, siamo corpi, e poi, scusate,  io le tasse le pago come gli etero perchè dovrei avere leggi da emarginata?

La pioggia incessante cadeva su di noi, ma abbiamo continuato a pedalare inzuppandoci  di pioggia, sino a porta Saragozza, che abbiamo presidiato sino  alle 18.

Porta Saragozza è un luogo emblematico della città di Bologna. perchè qui è nata la prima sede del circolo ARCIGAY d’Italia nel 1982. Oggi  è sede del museo della beata vergine. Se fossi cristiana direi che è ora di farci la grazia.

Abbiamo pedalato e cantato,  cantato il nostro dissenso e la nostra voglia di esistere, resistere e insistere.

Non ci accontentiamo: vogliamo tutto perchè abbiamo aspettato abbastanza!

Ale B.

Artista freelance e lesbica bolognese

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

Cultura, La Sinistra, Politica Estera, Politica Interna,

Cinquant’anni fa moriva Ernesto Che Guevara

Cerchiamo oggi di non disperderne al vento gli insegnamenti

Otto Ottobre Ernesto Guevara veniva catturato in Bolivia, il giorno successivo fu scelto a sorte tra alcuni volontari Mario Terán, un... [...]

di: ->1------ simoanse, Luigi Nappi,

Cultura, La Sinistra, Politica Interna,

8 Settembre 1943

In un paese in piena crisi culturale, una panoramica su quanto successo quel giorno e sulle sue conseguenze

L’Italia è un paese in piena crisi culturale, morale, politica prima ancora che economica e sociale.   Non si tratta soltanto dei... [...]

di: ->1------ Franco Astengo,

Cultura, La Sinistra, Politica Interna,

Il Senato non rappresenterebbe un bel niente

Vittorio Bonanni intervista Massimo Gallo

Già magistrato e senatore della Repubblica, attualmente giudice presso la Cassazione, Domenico Gallo è tra gli esponenti di spicco del... [...]

di: ->1------ Vittorio Bonanni,

Ritorna all'home page