Esse - una comunità di Passioni

Bjorn Ihler, la carcerazione disumana e la cultura del limite

La nostra migliore arma contro il terrorismo è l'umanità.

Quando si affronta il tema dell’umanità della pena
in relazione a delitti immensi, per eccellenza disumani,
perché contro la vita di innocenti, specie se nel pieno della gioia di vivere,
la domanda da porsi, per tentare di, e continuare a, essere,
quale società, al di qua della disumanità e all’interno di un processo
continuo di civilizzazione, è: qual è il limite?

Il sistema giustizia della Norvegia, dopo aver condannato Breivik,
responsabile di aver ucciso 77 persone –si apprende dai giornali-,
a 21 anni di carcere (già circondando di un confine/limite la pena:
né condanna a morte, né condanna all’ergastolo), ha condannato
anche lo Stato per il fatto di avere inflitto a Breivik
anni di prigionia “disumana”, oltre il limite.

La reazione diffusa nel mondo è stata di sconcerto.
A seguire il “buon senso” di sempre, pare davvero un giudizio
di una mitezza eccessiva, questo sì oltre misura, oltre il limite,
soprattutto in relazione alla gravità del reato.

Ma Bjorn Ihler, scampato alla violenta, crudele, disumana scarica di spari
di Breivik, dichiara: “Che il tribunale abbia dato ragione
a Breivik è il segno che il nostro sistema giudiziario funziona
e rispetta i diritti umani anche nei casi estremi … La nostra migliore
arma contro il terrorismo è l’umanità. Il verdetto dimostra
che noi riconosciamo l’umanità anche degli estremisti”.

Breivik, secondo la speranza attiva di Bjorn Ihler, non è un terrorista
“mai pentito”; semmai è un terrorista “non ancora pentito”;
Bjorn intende guardare avanti, confermando il suo impegno di lavoro
(di sé scrive: I’m an activist working against violent extremism
and terrorism and for peace and human rights internationally)
per l’affermazione/diffusione, anche futura, dell’”umanità”
(nel senso di rispetto comunque della sua “dignità”).
La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani afferma:

“Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti…
….Ad ogni individuo spettano tutti i diritti …senza distinzione alcuna,
per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione,
di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale,
di ricchezza, di nascita o di altra condizione.”

In una parola: sempre!

Bjorn Ihler, non negando, laicamente, umanità a nessuno,
nemmeno a Breivik, immagina che la meta del percorso di ogni sforzo
per rispettare l’umanità in sé sia proprio la sconfitta del terrorismo.
E l’arma per tanta battaglia è praticare, anche attraverso gli atti,
una irrinunciabile umanità.

Quantunque il pensiero corra triste al dolore delle persone care
delle tante giovani vittime, quantunque riesca difficile accogliere,
in questo caso particolare, l’idea di tanta mitezza di Stato,
forse questo giovane, scampato alla strage, questo Bjorn Ihler
riesce a dare sostanza e senso a una sofferta
eppur viva cultura del limite: il rispetto della persona umana in sé
è per sempre e per tutti.
In nome di un futuro sempre più umano.

O no?

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

Politica Estera, Società,

Su un caso di eutanasia pediatrica in Belgio

Un articolo per vederci più chiaro

Qualche giorno fa la commissione belga per il controllo dell’eutanasia ha dato notizia del primo caso di eutanasia su minore in quel... [...]

di: Tommaso Bruni,

Politica Estera, Società,

UNA DOLCE MORTE

Mentre ancora non si sapeva l'età del minore, la solita litania

Stavo pensando alla triste ironia che accompagna le dichiarazioni a caldo di Bagnasco, in merito all'evento belga, da tutti intitolato... [...]

di: Carlo Crosato,

Società,

Sessismo e paternalismo

a partire da Firenze

1. Va bene. Accettiamo pure il garantismo come prospettiva da cui osservare la violenza subita dalle due ragazze a Firenze; garantismo... [...]

di: Carlo Crosato,

Ritorna all'home page