Esse - una comunità di Passioni

Buon Natale dal Sindaco di Como

ma solo se non sei uno sporco barbone puzzolente

di: Roberto Gramiccia,

21 dicembre 2017

Categorie: Lombardia, Politica Interna

Sembrerebbe una balla o un caso di fake news, come si dice oggi, invece è la verità. La notizia è che il sindaco di Como – con l’appoggio di Forza Italia, della Lega e di Fratelli d’Italia – avrebbe emesso un’ordinanza nella quale si fa divieto, sino al 10 gennaio, di distribuire ai senzatetto rifugiati sotto i portici della Chiesa di San Francesco generi di conforto e bevande calde. E la cosa più stupefacente è che lo scopo dell’ordinanza sarebbe quello di difendere il decoro del Natale.

Noi pensiamo che a Mario Landriscina, il sindaco in questione, e a tutti quelli che lo hanno sostenuto in questa eroica determinazione, si dovrebbe dare una medaglia. Lo sprezzo del pericolo col quale, infatti, si sono impegnati per partorire la spericolata decisione di coalizzarsi contro uno stuolo di pericolosi clochard e migranti, intirizziti dal freddo e di sicuro pericolosamente malnutriti, è meritevole di un pubblico encomio.

Noi non siamo notoriamente frequentatori di sacrestie ma non facciamo fatica a immaginare, infatti, lo sdegno di San Giuseppe e della Vergine Maria di fronte a uno scempio perpetrato, per altro, da pericolosissimi volontari della Caritas, che si svegliano alle 6 di mattina per macchiarsi del terribile misfatto di portare un poco di conforto a dei poveri disgraziati che, fra l’altro, non chiedono niente a nessuno.

Sembra che i volontari e molti cittadini abbiano dichiarato che sediziosamente non rispetteranno l’ordinanza. Cosa che per altro, noi di Esse, ci auguriamo dal profondo del cuore. Anzi ci piace sognare che sotto i portici di San Francesco si raccolga la parte più grande possibile del popolo di Como per fare a gara per trasgredire questa ordinanza. Che poi sarebbe il modo migliore per festeggiare il Natale per i cattolici e per quelli che cattolici non sono, insieme.

Concedeteci una piccola notazione finale. A quelli che sostengono che ormai destra e sinistra sono due parole vuote, vorremmo chiedere se non sembra loro che questo episodio fornisca l’esempio più esagerato di una scelta di destra, ottusamente di destra. Anche se ci ostiniamo a credere che farebbe un po’schifo anche a un uomo di destra fornito di un minimo di buon senso e di umanità. Buon Natale !

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

Politica Interna,

Non sottovalutiamo i razzisti come Fontana

hanno l'appoggio di molti nostri concittadini

Il candidato del centro-destra alla Presidenza della più popolosa, grande e ricca Regione italiana, la Lombardia, dice che siamo di fronte... [...]

di: Simone Oggionni,

La Sinistra, Politica Interna,

Non ci resta che piangere

La telenovela della sinistra italiana

Gli eventi politici “sinistrati” di questi ultimi giorni sono stati senz’altro incandescenti, tali da far rivoltare dalla tomba zio... [...]

di: Luigi Nappi,

Politica Interna,

Referendum per l’autonomia

le ambiguita’ e le contraddizioni sul referendum per l’autonomia della Lombardia

La Regione Lombardia ha presentato un’istanza referendaria al “popolo” lombardo per proclamarsi “regione autonoma”. L’iter... [...]

di: Valerio Trabucchi,

Ritorna all'home page