Esse - una comunità di Passioni

Consigli non richiesti a Sel e dintorni

Dall'archivio di EsseBlog

di: Alessandro Gilioli,

25 Febbraio 2016

Categorie: Archivio

Mastico poco di politique politicienne. Intendo dire quella fatta di politici di lunga data, di correnti armate, di identità gelose di se stesse. Lo so che ne mastico poco; me ne sono accorto bene le poche volte che mi ci sono sia pur marginalmente avvicinato: e i miei suggerimenti sono spesso stati considerati naïf, impraticabili, inadatti a una realtà “più complessa” perché appunto non tenevano conto di posizionamenti incrostati, di rivalità radicate e a volte rissose.

Per farla breve: suppongo che quello che scrivo oggi finirà con ogni probabilità nel cestino dei consigli inutili, con la motivazione che «non è così facile».

Eppure.

Eppure non sarà “così facile”, ma non è neppure così impensabile tornare ai fondamentali. Alle basi. E da lì ripartire. Con logica e coraggio.


Lo sapevamo, cosa stava succedendo in Sinistra Ecologia e Libertà. Lo sapevamo almeno dall’ultimo e combattuto congresso. Lo sapevamo cioè che c’era una parte di quei compagni che si sentiva attratta dal potente e dinamico contenitore onnicomprensivo di Renzi.

Niente di strano, niente di male: capisco benissimo la sensazione di frustrazione costituita dalla marginalità. Capisco benissimo anche che la testimonianza in sé non è un valore, se non incide nella società. È invece, soltanto, consolazione. È sentirsi puri, belli, bravi e buoni senza cambiare una virgola del mondo fuori. Quindi quello che hanno fatto i fuoriusciti da Sel – quelli in buona fede – è un ragionamento rispettabile.

Rispettabile ma sbagliato: per il semplice fatto che là dove stanno andando non incideranno sul Paese un milligrammo di più di quanto abbiano fatto finora. Anzi, saranno più marginali di prima. E lo saranno trasformandosi pure in complici di ciò che avversano. O almeno hanno avversato fino a ieri: la precarizzazione del lavoro, le privatizzazioni, i regali alle banche, l’allontanamento (ulteriore) della rappresentanza dai rappresentati, le liste bloccate, il governo con Alfano e Giovanardi. Non mi sembra un grandissimo risultato.

Resta il fatto che per quelli che invece non si sono fatti sedurre dalla sirena renziana quella che pongono i fuoriusciti è una sfida. Dimostrare cioè che, da oggi, da fuori fuori possono incidere di più. Più di quelli che sono corsi dentro il Pd del 40,8. Ma anche più di quanto non fossero incisivi prima, quando erano insieme. Questa è la scommessa. Questo è l’obiettivo. Di testimonianze puriste, credo, ne abbiamo piene le palle tutti: chi va e ma anche chi no.

Quindi, l’obiettivo è incidere.

E se l’obiettivo è incidere, la stessa Sel residua non basta più. Anzi, come tale, da sola e con il suo attuale leader, non ha proprio più prospettive. Per via di tanti motivi. Non ultimo, la parabola da tre anni in fase discendente del suo fondatore, appunto. Verso il quale, al contrario di altri, io ho rispetto. Ma che nel 2011 veniva dato vincente a ogni possibile primaria del centrosinistra, e da dopo il governo Monti è in caduta libera. Fino alla telefonata con Archinà. Per la quale non lo voglio mettere in croce, ma credo sia stata la sua pietra tombale, come leader possibile. La scissione di questi giorni è solo la botta finale.

Ma non è nemmeno tanto Vendola, la questione. La questione è l’area a sinistra del Pd. L’area che io – scusate – definisco semplicemente di sinistra, senza più quell’aggettivo – “radicale” – che ne fa una nicchia. Ci sono altre sinistre in giro, certo: in una parte del Pd e pure nel Movimento 5 stelle. Ma non c’è un partito in cui la sinistra sia prevalente. Non c’è una una forza politica di sinistra, oggi, in Italia.

Ecco, incapace come sono di pensare in termini di politique politicienne, credo che l’obiettivo di chi non si lascia sedurre dal contenitore renziano oggi possa essere solo questo. Fare piazza pulita delle identità vecchie e nuove – Sel, Rifondazione, perfino la lista Tsipras – e costruire una cosa che si chiama la Sinistra e basta. Una cosa che abbia come primo obiettivo delineare un disegno politico, economico, sociale e di cittadinanza chiaro per questo Paese. Senza farsi pippe di alleanze, ora. Costruendo invece consenso e radicamento sociale sul proprio progetto alternativo di Paese. E su battaglie concrete in quella direzione. Senza fretta e senza pigrizia: i due peccati cardinali da cui nascono tutti gli altri, diceva Kafka.

La pigrizia, l’ho già detto, è il peccato dei fuoriusciti di Sel. La fretta è stato invece il peccato della lista Tsipras: che dopo le risse postelettorali è oggi un soggetto caotico le cui provvisorie e settarie leadership (penso a Guido Viale e i suoi) se prevarranno non faranno altro che creare creare un ennesimo partitino marginale e ininfluente. Il contrario, tra l’altro, dell’obiettivo per cui la lista Tsipras era nata: cioè lavorare su inclusione, apertura, contaminazione, incisione nel reale.

È questo quindi il compito di Sel, oggi: scomparsi i freni di chi là voleva andare e alla fine è andato. O meglio è questo il compito dei dirigenti e degli attivisti con la mente aperta che stanno in Sel, in Rifondazione e pure nella lista Tsipras: perché so che molti, lì dentro, non hanno gli stessi logori paraocchi ideologici di Guido Viale. Lo so perché li conosco, ci parlo tutti i giorni. E so che anche se non lo dicono apertamente, hanno aderito a questa lista – a febbraio – con lo stesso proposito così naïf e così poco politicista di cui parlo in questo post: fare la sinistra, generosamente. Non quindi la prevalenza di uno dei soggetti oggi esistenti sugli altri. E nemmeno il balocco senile di qualche leaderino fuori tempo massimo.

Lo so, appunto, che “non è così facile”. Che ci sono apparati e burocrazie che non ambiscono a sciogliersi, a mescolarsi e a ricostituirsi sotto altra forma, con tutti i rischi connessi. Che ci sono rendite di posizioni antiche e altrettanto antiche contrapposizioni personali. Che ci sono disegni di estensione o di preservazione personali o di gruppo. Insomma, che c’è tutto il peggio della sinistra. Non solo della sinistra, per il vero, ma a questa e di questa sto parlando.

Scommessa difficile, dunque. Ma l’unica che si può vincere, perché le altre sono già perse.

E non sarebbe male se per una volta prevalessero le generosità sugli egoismi, la responsabilità verso gli altri sulla presunta convenienza per se stessi.

Auguri, compagne e compagni, auguri a tutte e tutti, voi e noi.

Tag:, ,

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

Archivio,

La nuova sinistra, come quella dell’Ottocento

Ripartire dalle origini

La Sinistra del XXI secolo? Più che dal Novecento, forse dovrebbe ripartire dall’Ottocento, dalle sue origini, dalle prime esperienze di... [...]

di: giulio di donato,

Archivio,

La sottomissione all’economia, origine dell’antipolitica

Per un nuovo dominio della politica sull'economia

Dentro la crisi economica sono esplose la crisi della democrazia rappresentativa e la crisi dei partiti. Tutte in qualche modo figlie di... [...]

di: giulio di donato,

Archivio,

La Sinistra alle prese con il “recinto”

Le compatibilità che inchiodano la sinistra

Prima la globalizzazione neoliberista, ora il cosiddetto pilota automatico messo in moto dalla tecnocrazia europea svuotano le istituzioni... [...]

di: giulio di donato,

Ritorna all'home page