Esse - una comunità di Passioni

DIRITTI CIVILI E UMANI : TRA PERCORSI DI LOTTA E LOGICHE DI DOMINIO

Una riflessione di stretta attualità politica con lo sguardo lungo di Shaimaa Abdelkarim

Se si vuole cogliere tutta l’arretratezza del dibattito politico e culturale del nostro Paese, è utile esercizio volgere lo sguardo altrove, dove la lotta politica diventa spesso questione di vita e di morte e dove la libertà di espressione non è appannaggio di circoli intellettuali chiusi nel narcisistico e autoreferenziale culto di se stessi , e diventa motore di cambiamento e trasformazione sociale.
Ce lo ha insegnato Giulio Regeni,  la cui giovane vita è stata strappata dalla violenza diabolica della repressione e la cui memoria rischia di essere destinata all’oblio, sacrificata sull’altare della ragion di Stato.
Con questo spirito mi sono imbattuto in rete in un saggio denso e appassionato di Shaimaa Abdelkarim, della School of Global Affairs and Public Policy dell’Università americana del Cairo.
Il saggio Towards New Dominations: Flawed Devotions to Human Rights Discourse  and its Contigent Hope  ( Verso nuove forme di dominio : la fede imperfetta nel discorso dei diritti umani e la sua speranza contingente)  si muove nell’ambito della ricca corrente dei Gender and postcolonial studies  e ci restituisce una spiegazione convincente di come la retorica  dei diritti umani si sia trasformata in una nuova e raffinata tecnica di dominio,  a salvaguardia degli interessi  dell’imperialismo occidentale.
Come scrive Karen Engle, “dalla fine della Guerra Fredda, i diritti umani sono diventati la lingua franca tanto degli stati quanto dei movimenti sociali, dalla sinistra alla destra. Con riguardo ai primi, alcuni stati pretendono di  intervenire –  anche militarmente –  in altri stati per proteggere i diritti umani, mentre questi resistono all’ingerenza sempre in nome dei diritti umani. Peraltro i Movimenti Sociali, di tutte le forme, sono soliti presentare le loro richieste dentro la stessa cornice del rispetto dei diritti umani. Persino gli argomenti  per una significativa redistribuzione della ricchezza e delle risorse sono largamente avanzati nel nome dei diritti umani (sociali ed economici).”
Tuttavia mentre per  Engle il discorso dei diritti si avvale della stessa retorica quando viene “articolato dagli stati, dai movimenti sociali e persino dalla critica da sinistra al discorso dominante”, finendo per legittimare la nuova figura dell’ “individuo neoliberale e market friendly”,  per Shaimaa Abdelkarim  l’equivalenza delle espressioni usate non rende conto della differenza che esiste tra il discorso dei diritti strumentalizzato per fornire legittimità internazionale alle potenze dominanti e la  lingua dei diritti, intesa come “la lingua delle lotte”.
Per fare ciò bisogna partire da due considerazioni .
Da una parte vi è l’ “ironia”  costitutiva dei diritti umani: il  meccanismo per cui, nonostante la loro formulazione sacrale nei trattati internazionali e nelle Costituzioni degli stati, vi è sempre un gap tra quanto i diritti umani offrono nel presente e le promesse di  liberazione universale che sono sempre rimandate a un futuro incerto. Questa ironia contribuisce a costruire una teologia dei diritti umani, per cui l’obiettivo dei movimenti diventa spesso il riconoscimento formale di un diritto, mentre viene accantonato il grido di dolore degli oppressi le cui condizioni materiali di vita non cambieranno certo in virtù di un formale riconoscimento giuridico.
Così se per la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo tutti gli uomini “sono uguali”, nella realtà l’uguaglianza  è un ideale che viene rimandato a un futuro indeterminato in cui i benefici della crescita economica raggiungeranno anche i cosiddetti “paesi sottosviluppati” , secondo la ben nota definizione dell’ “infame quarto punto” del discorso inaugurale della presidenza Truman del 1949.
Ma intanto la nostra fede nei diritti umani, una vera e propria nuova religione laica, colonizzerà le nostre lotte e le nostre aspirazioni e ingloberà  nel discorso dominante ogni istanza di liberazione.
E’ la stessa logica che ha portato il governo britannico a rinegoziare la propria appartenenza  all’Unione Europea  con il cosiddetto Emergency Brake, quel freno di emergenza che consente al governo di sospendere i diritti sociali ( assegni familiari, indennità di disoccupazione, etc. ) per i nuovi immigrati (europei e non),  utilizzando come pretesto la crisi economica globale.
Ugualmente pensa di fare il governo tedesco, che ha  allo studio una legge discriminatoria, razzista e classista che esclude dall’applicazione del salario minimo garantito per legge i rifugiati che saranno accolti nel territorio della repubblica federale tedesca.
In secondo luogo, Shaimaa Abdelkarim  segnala un altro vizio costitutivo dei diritti umani : essi sono figli della pretesa  illuministica  di sostituire il dominio di Dio con le istanze regolatorie e formalistiche della Ragione, “una ragione che rende ciascuno di noi soggetto alla sua universalità” in modo tale che l’“individuo europeo secolarizzato acquisisce il controllo nella creazione del mondo e deve proteggere questo mondo contro tutti coloro i quali vi si oppongono”.

Per scardinare questo dispositivo  occorre  “deformalizzare” il dominio della legge , dando corso a quella “fantasia dei diritti”  (questa volta al servizio della lotta) che Jason Beckett contrappone alla “irredimibile realtà della macchinazione politica”.
Una macchinazione politica  di cui , per citare il triste dibattito parlamentare di questi giorni sulle unioni civili, sono espressione tanto il legalismo parlamentare  invocato dal movimento 5 stelle per giustificare di fronte all’opinione pubblica il loro clamoroso voltafaccia, quanto la crudele realpolitik di Renzi che, pur di salvare il governo del Partito della Nazione, non esita a sacrificare le aspettative e l’aspirazione alla felicità di migliaia di donne e uomini, lesbiche e gay, e dei bambini che accolgono nelle loro famiglie.

In questi anni ho attraversato tante storie di movimento, dall’attivismo lgbt alla lotta al razzismo e allo specismo, per questo vorrei dire a tutt* che non è ottenendo il riconoscimento di un catalogo di diritti ad hoc e la negazione di altri ( dalla stepchild adoption alla tutela patrimoniale in caso di separazione con addebito di colpa – vero obiettivo dell’eliminazione dell’obbligo di fedeltà) che otterremo giustizia piena , ma tornando ad alimentare il torrente delle lotte.

Mentre venti di guerra soffiano forti, e  a Roma il 5 marzo si annuncia una grande manifestazione  contro l’indecente spettacolo che è andato in scena al Senato sulle unioni civili , mi sento di raccogliere l’invito della giovane ricercatrice del Cairo.

Non una chiamata alle armi, ma un appello a continuare la lotta sapendo che nessun discorso dei dominanti può liberare con le sue formule astratte le esistenze prigioniere degli oppressi.

Scrive Shaimaa Abdelkarim :

“ La lotta non deve essere sanguinaria ma purtroppo lo sarà. Perché non lo sia, citando Hegel,  le masse europee devono innanzitutto decidere di svegliarsi, indossare i loro cappelli pensanti e finirla con il gioco irresponsabile della Bella Addormentata”.

Una speranza che è anche un programma di lotta.

Continuons le combat !

Alberto Rotondo

Vive a Catania. Attivista politico antirazzista, antisessista e antispecista. Si interessa di questioni economiche e di politica europea e internazionale.

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

Cultura, La Sinistra, Politica Interna,

Il bisogno di un Natale della Sinistra

cerchiamolo con coraggio e per un giorno proclamiamo una tregua

Il Natale della sinistra, inteso come riconoscimento unitario di una origine comune, deve ancora essere inventato. E ci sarebbe bisogno di... [...]

di: Riccardo Ceriani,

La Sinistra, Politica Interna,

Proviamo a ricostruire la Sinistra, ancora una volta

Il recente articolo scritto dal giornalista Marco Damilano su Berlinguer mi ha colpito, perché a mio giudizio segnala un nodo politico... [...]

di:

Cultura, La Sinistra, Politica Estera, Politica Interna,

Cinquant’anni fa moriva Ernesto Che Guevara

Cerchiamo oggi di non disperderne al vento gli insegnamenti

Otto Ottobre Ernesto Guevara veniva catturato in Bolivia, il giorno successivo fu scelto a sorte tra alcuni volontari Mario Terán, un... [...]

di: simoanse, Luigi Nappi,

Ritorna all'home page