Esse - una comunità di Passioni

La Famiglia è dove c’è Amore

La Cassazione, in una storica sentenza, riconosce a due donne il diritto alla genitorialità

di: Chiara Di Marcantonio,

2 ottobre 2016

Categorie: Diritti, Giustizia

“E’ famiglia anche quella con due mamme.” Lo sostiene la Cassazione, accogliendo la richiesta presentata al Tribunale di Torino da due donne in merito alla trascrizione dell’atto di nascita in Italia del loro bambino, nascita avvenuta in Spagna in seguito a fecondazione eterologa.

In un primo momento il Tribunale di Torino si è opposto alla richiesta, adducendo come motivazione un presunto contrasto con il “principio di ordine pubblico” in relazione alle norme in materia di filiazione (secondo cui madre è soltanto colei la quale ha partorito il bambino) e ritenendo la trascrizione impraticabile.

Le due donne, nel caso specifico, hanno entrambe contribuito al progetto genitoriale: la mamma spagnola lo ha partorito e quella italiana le ha donato gli ovuli.

Da qui il ricorso. La Corte di appello di Torino emette così un decreto nel dicembre 2014, ordinando all’anagrafe del Comune di trascrivere l’atto di nascita del bimbo. Ora il verdetto è stato definitivamente confermato dalla Cassazione.
La Corte Suprema si è così espressa a riguardo: «La nozione di “vita familiare” nella quale è ricompresa l’unione tra persone dello stesso sesso non presuppone neppure necessariamente la discendenza biologica dei figli, la quale non è più considerata requisito essenziale della filiazione. E, comunque, tale requisito sussiste nel caso in esame, avendo una donna partorito e l’altra donato il proprio patrimonio genetico».

Per la suddetta non sussiste alcun ‘divieto costituzionale’ volto alla preclusione della prole per le coppie dello stesso sesso, le quali possono tranquillamente accogliere e generare figli.

Le due donne si sono sposate in Spagna nel 2009 e hanno successivamente divorziato consensualmente. Entrambe indicate come madri del bambino dal Comune di Barcellona, hanno optato per l’affidamento congiunto del minore con condivisione della responsabilità genitoriale.

Ora questo bambino ha due mamme anche per lo Stato italiano. La famiglia è dove c’è Amore. Semplicemente.

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

Società,

Sessismo e paternalismo

a partire da Firenze

1. Va bene. Accettiamo pure il garantismo come prospettiva da cui osservare la violenza subita dalle due ragazze a Firenze; garantismo... [...]

di: Carlo Crosato,

Politica Interna, Società,

Il garantismo prevede delle eccezioni?

Perché il Capo dei Capi, Totò Riina, deve restare in carcere

"Totò Riina è malato e ha diritto ad una morte dignitosa". Questa è l'estrema sintesi della sentenza 27766 del 5 Giugno 2017 della... [...]

di: Chiara Di Marcantonio,

Politica Interna, Società,

Morire dignitosamente dev’essere un diritto garantito a tutti

L’Italia può tristemente vantare una situazione carceraria che fa pena

Come sempre accade, le reazioni alle notizie di grande risonanza, vengono gestite dall’opinione pubblica con la solita attitudine da... [...]

di: Luca Garau,

Ritorna all'home page