Esse - una comunità di Passioni

Ho messo un piede sulle strisce

L'Umanista n. 3

di: Riccardo Ceriani,

20 maggio 2016

Categorie: Cultura, Letteratura

Ho messo un piede sulle strisce e me l’hanno fatto a fette.
Volevo solo attraversare, sono rimasto almeno cinque minuti ad aspettare.
Sembrano pochi, ma lì così fermo in piedi sul cordolo con le macchine che sfrecciano davanti, è come stare in fila alle poste anzi peggio.
Peggio perché ti domandi: “ma non mi vedono?” o “mi vedono, ma non gl’ importa?”- “passo o non passo?”- “ mi schiacciano o no?”- “quanto vanno veloce?”- “ma sono matti?”.
E intanto quello che guida e ti vede che vuoi attraversare si domanda: “ma che fa quello? passa o no? se no passo io; anzi passo io che ho fretta; anzi passo in fretta così lui non deve aspettare molto!” e dietro tutta la fila di automobilisti pensa la stessa cosa e tu pedone intanto rimani lì, con quelli in macchina che ti sfrecciano davanti come pazzi, ma, pensano loro, per farti un favore!
È una lotta vera e propria, un confronto di cervelli in imbarazzo incapaci di scegliere la cosa giusta.
Perché? Cosa manca a tutti e due? Chiaro, si: mancano le istruzioni d’uso! E chi le da queste istruzioni? E dove? C’è il codice della strada che parla chiaro: in prossimità delle strisce pedonali, tu automobilista devi rallentare e vedere se c’è un pedone che vuole attraversare; se non c’è nessuno, tiri dritto con prudenza; se c’è qualcuno, è lui che ha la precedenza, è il pedone che deve passare per primo. Non tu, che non sei Nico Rosberg in gara, sei solo un automobilista che va per la sua strada, che non è proprio tua tua, ma un po’ di tutti e per primo dei pedoni che sono umani, ma pure gli animali hanno la precedenza, anche se il codice non lo dice- degli animali- e in città o in paese, dentro o fuori in campagna, vengono sempre prima gli umani e gli animali; non primi al traguardo: diciamo primi nei diritti, prima delle macchine e degli automobilisti.
E allora , se il codice parla chiaro, perché sembra che nessuno lo sa?
Io per primo, che mi stupisco quando sono a piedi, ma non ci penso quando sono al volante?
Ecco, mi stupisco o non ci penso, a seconda del ruolo che ricopro al momento. Come si spiega questo fatto? Il codice parla chiaro, ma a me, e mi sa a tutti quanti, l’hanno detto solo di sfuggita alla scuola guida, dove più importante è insegnarmi a guidare perché la parte difficile dell’esame dicono che è la guida.
La teoria , basta imparare a memoria i segnali per poi fare i quiz, ma nessuno mi istruisce bene sull’etica della guida, sul rispetto degli altri, sull’ educazione da tenere con gli altri, che siano a piedi o in macchina, ma soprattutto a piedi. Perché, dico io, sarebbe molto importante: se rispetto il prossimo, sono più prudente e se sono più prudente faccio meno incidenti e meno danni; e ci sono meno morti sulle strade.
E perché solo a scuola guida? Che poi c’è chi la patente se la compra, quindi manco studia i cartelli a memoria e manco lo fa l’esame di guida; va be’, ma questi in effetti sono pochi.
Perché non insegnano l’educazione stradale per bene nella scuola? Per bene vuol dire, mica una volta ogni tanto il vigile che viene mandato dal Comune o chiamato dal preside a fare la singola lezione in dieci anni dall’ asilo in avanti, importante anche questo certo, ma un programma vero e proprio, sia all’ elementari che poi alle medie, con lezioni di educazione stradale, esercizi ed esami; certo di teoria, mica della pratica; la pratica si farebbe poi, alla Motorizzazione o in agenzia, come uno vuole, ma l’educazione, quella dovrebbe venire dalla scuola obbligatoria, quando siamo bambini e ragazzi, così impariamo subito e ci rimane dentro.
Il rispetto degli altri, il rispetto delle regole della strada. Una delle basi del rispetto in generale, con cui tutti abbiamo a che fare sempre nella vita. Certo, uno dice: “l’educazione la devono insegnare le famiglie!”.
Si, ovvio, ma non basta: se una famiglia è poco attenta sul tema, che si fa? E le famiglie? da chi ricevono l’educazione che dovrebbero impartire ai figli?
Siamo sempre lì: tutto dovrebbe partire dalla scuola: educazione stradale, educazione sessuale, educazione civica: educazione.
Sembra una parola vecchia, poco “smarty”. Ma è la base della convivenza. Che poi ritrovi dappertutto: a casa, al bar, in posta, allo stadio, col vicino straniero, col cliente del negozio, col vicino di casa, in fila in farmacia….
Nei rapporti di lavoro.
Si va bene, intanto il tempo passa e ancora non ho attraversato.
Ho messo il piede sulle strisce e me l’hanno fatto a fette.
Il piede?
No, per fortuna!
Me l’hanno fatto a fette ad aspettare di passare! Dai, come te lo devo dire?
Con un disegnino?

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

Cultura,

Sulla crisi del partito di massa

Recensione di "Ribellarsi non Basta..." di Fulvio Lorefice

Quando si parla di "subalterni" vengono in mente due figure centrali del pensiero politico-filosofico e antropologico: da un lato Antonio... [...]

di: Vittorio Bonanni,

Cultura,

L’«ansia di un’altra città» e il sogno azionista

Intervista a Francesco Postorino

Francesco Postorino è un filosofo e saggista che ha approfondito le sue ricerche di teoria politica tra Messina, Parigi e Roma. Si occupa... [...]

di: Renato Trombelli,

Cultura,

Come tutti, per tutti

L'Umanista N°24

Come tutti, anche io mi recavo quella sera alla Festa del Sole. “Da domani le giornate tornano ad allungarsi” - pensavo- “il Sole... [...]

di: Riccardo Ceriani,

Ritorna all'home page