Esse - una comunità di Passioni

Il Ministro del Lavoro Poletti, il divano e l’empatia

Tra marketing politico e strategie

di: Severo Laleo,

19 giugno 2016

Categorie: Politica Interna

Il Ministro del Lavoro Poletti, molto preoccupato e voglioso di creare per i giovani opportunità di lavoro, da fine gentiluomo, già noto, trova le giuste parole, nel rispetto della sua originaria cultura cooperativa, per dimostrare, almeno in due passaggi, tutta la sua empatia nei confronti di quanti cercano lavoro tra mille difficoltà.

Ecco le sue parole:
1. “Il mio mestiere è mandare la gente a lavorare
(ma vuol dire “faticare“), non fare semplicemente le leggi”;
2. Grazie al programma Garanzia Giovani “un milione di giovani
si sono alzati dal divano e si sono candidati”.
Forse è l’empatia nuova della casta al Governo.
O no?

 

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

Politica Interna,

La questione del ‘voto di scambio’

Quale formula elettorale potrebbe arginarlo?

Nella ridda di dichiarazioni rilasciate da questo o da quello in occasione della morte di Totò Riina (avvenimento al quale è stato... [...]

di: Franco Astengo,

Politica Estera, Politica Interna,

La banalità del male

L'indifferenza letale

Mi sono sempre chiesto come facessero i tedeschi degli anni Trenta e Quaranta a non capire cosa stesse succedendo, a sopportare e di fatto... [...]

di: Carlo Crosato,

La Sinistra, Politica Interna,

Amare riflessioni sulle elezioni regionali siciliane

Per fortuna c'è la bella candidatura di Fava

Le elezioni regionali siciliane diranno tantissimo sulla tenuta democratica della nostra regione. L’astensione è stimata alle stelle e... [...]

di: Pasquale Cucchiara,

Ritorna all'home page