Esse - una comunità di Passioni

Il Ministro del Lavoro Poletti, il divano e l’empatia

Tra marketing politico e strategie

di: Severo Laleo,

19 giugno 2016

Categorie: Politica Interna

Il Ministro del Lavoro Poletti, molto preoccupato e voglioso di creare per i giovani opportunità di lavoro, da fine gentiluomo, già noto, trova le giuste parole, nel rispetto della sua originaria cultura cooperativa, per dimostrare, almeno in due passaggi, tutta la sua empatia nei confronti di quanti cercano lavoro tra mille difficoltà.

Ecco le sue parole:
1. “Il mio mestiere è mandare la gente a lavorare
(ma vuol dire “faticare“), non fare semplicemente le leggi”;
2. Grazie al programma Garanzia Giovani “un milione di giovani
si sono alzati dal divano e si sono candidati”.
Forse è l’empatia nuova della casta al Governo.
O no?

 

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

La Sinistra, Politica Estera, Politica Interna,

Rilanciamo l’Europa socialista

Come uscire dalla tenaglia della tecnocrazia e del sovranismo

Se qualcuno avesse detto a Rossi, Spinelli, Colorni e Hirschmann che, settantacinque anni dopo la loro elaborazione, nel carcere di... [...]

di: Simone Ceccarelli,

Politica Interna,

Le reazioni intollerabili di certa sinistra

Uno spreco di energie che potrebbero meglio essere impiegate

Il tentativo di una parte della Sinistra di marcare la propria collocazione inquadrando gli avversari nel recinto della destra storica,... [...]

di: Renzo Rivalta,

Politica Interna,

Il veto sul nome di un Ministro

Nella partita del potere, Salvini gioca una mano perfetta

La crisi istituzionale italiana seguita alle elezioni del 4 marzo si approfondisce. Domenica 27 maggio il Presidente del Consiglio... [...]

di: Tommaso Bruni,

Ritorna all'home page