Esse - una comunità di Passioni

La Sinistra alle prese con il “recinto”

Le compatibilità che inchiodano la sinistra

di: giulio di donato,

2 Marzo 2016

Categorie: Archivio

Prima la globalizzazione neoliberista, ora il cosiddetto pilota automatico messo in moto dalla tecnocrazia europea svuotano le istituzioni democratiche di poteri e funzioni e immobilizzano la politica in un recinto. E noi tutti, a sinistra, restiamo come stretti in una morsa fatale. Chi sta nelle istituzioni, in questo contesto di democrazia rappresentativa “mutilata e inerte” e con un partito democratico interno al quadro delle compatibilità date, finisce per consumarsi in un’inevitabile impotenza, con tutti i rischi di una deriva burocratica e autoreferenziale. Chi ne sta fuori, salva se stesso e la propria carica antagonista, ma non riesce a trovare un perno che sia leva di trasformazioni significative. In questo scenario, come tornare ad essere i soggetti della trasformazione? Innanzitutto, rompendo quella camicia di forza, spezzando il vincolo delle compatibilità date e ricostruendo quegli strumenti di lotta politica in grado di rivoluzionare l’esistente. Tutto molto difficile, certo, ma questo deve essere il compito di una nuova Sinistra che, nel frattempo, si è rigenerata dal basso fuori e oltre il quadro politico attuale. Non c’è solo da ricostruire e organizzare una comunità, un tessuto, un proprio campo sociale; c’è anche la necessità di darsi, qui ed ora, gli strumenti della trasformazione sociale. Sul versante istituzionale, andrebbero restituiti poteri e funzioni alle rappresentanze popolari, rafforzando i momenti di democrazia diretta e partecipativa. Ma qui uno dei nodi del problema è l’Europa. La crisi degli ultimi anni dimostra come l’attuale livello di coesione abbia privato gli Stati di molti degli strumenti necessari a farvi fronte. Ora, o si torna indietro, al recupero della sovranità monetaria e nazionale, oppure – ed è la soluzione da preferire – si procede in fretta ad una maggiore integrazione politica in grado di superare il deficit di democrazia attuale, rompendo quel dominio di tecnocrazia e neoliberismo tutto rigore e tagli alla spesa sociale, privatizzazioni, precarietà e svalorizzazione del lavoro, ecc. Introducendo meccanismi di condivisione del debito e spingendo la Bce a finanziare, sia pure a certe condizioni, direttamente gli Stati, perchè la finalità primaria delle sue azioni diventi, accanto alla stabilità dei prezzi, quella di promuovere la piena occupazione. Sullo sfondo, l’idea della doppia moneta; un diverso modello di cooperazione monetaria che vedrebbe all’interno dell’eurozona la convivenza fra valute diverse e la presenza dell’euro come moneta comune di fronte alle altre valute internazionali come il dollaro e lo yen, che agirebbe da scudo verso la speculazione internazionale. Insomma, urge cambiare volto all’Europa, rilanciando e potenziando quanto di più prezioso ha costruito nei decenni (Welfare state), per un’alternativa di modello di sviluppo, solidale socio-eco sostenibile Se tutto questo, però, sembra essere fatto per i tempi lunghi, nel frattempo, ecco agitarsi i fantasmi del passato. In quasi tutta Europa monta l’estrema destra, pescando consenso nel crescente malessere e disagio sociale, complici un tessuto sempre più frammentato ed atomizzato e un senso comune favorevole a certe parole d’ordine. Oggi, come allora, crisi economica, crisi delle istituzioni democratiche e crisi della sinistra si tengono insieme; ancora una volta, il capitalismo, nelle sue ricorrenti e strutturali crisi, genera mostri e macerie. O si cambia rotta, e alla svelta, o si va a sbattere non solo sul terreno dell’economia ma anche su quello della tenuta democratica. Di fronte, sempre lo stesso bivio: Socialismo o barbarie!

Tag:

giulio di donato

Romano. Militante di base. A Sinistra, in direzione ostinata e contraria.

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

Archivio,

La nuova sinistra, come quella dell’Ottocento

Ripartire dalle origini

La Sinistra del XXI secolo? Più che dal Novecento, forse dovrebbe ripartire dall’Ottocento, dalle sue origini, dalle prime esperienze di... [...]

di: giulio di donato,

Archivio,

La sottomissione all’economia, origine dell’antipolitica

Per un nuovo dominio della politica sull'economia

Dentro la crisi economica sono esplose la crisi della democrazia rappresentativa e la crisi dei partiti. Tutte in qualche modo figlie di... [...]

di: giulio di donato,

Archivio,

Tsipras chi? Viaggio al termine della notte europea

La sinistra di Alexis Tsipras

Uno spettro si aggira per l’Europa: lo spettro di Alexis Tsipras e di Syriza. Uno spettro che spaventa la tecnocrazia europea e minaccia... [...]

di: giulio di donato,

Ritorna all'home page