Esse - una comunità di Passioni

Scarpe rotte eppur bisogna andar…

Ancora in cammino verso la Sinistra

Quando, anni fa, abbiamo iniziato il cammino di Esse avevamo di fronte una strada di cui ignoravamo la lunghezza, ma l’obbiettivo era chiaro: una sinistra forte e unita che aspirasse a governare il paese. Siamo quindi partiti, poche cose nello zaino e il cuore pieno di speranza.
Abbiamo camminato a lungo, abbiamo incontrato tanti compagni di viaggio e, purtroppo, alcuni li abbiamo dovuti salutare. A nessuno di loro abbiamo chiesto da dove venisse, ma semplicemente dove volesse andare, se volesse condividere con noi quel viaggio lungo e faticoso che avevamo deciso d’intraprendere.
Finalmente un giorno siamo arrivati di fronte ad un teatro che portava un nome antico, le cui origini si perdono laddove la storia si fonde con il mito. Eravamo felici quel giorno, ci sentivamo a casa, circondati da compagni e compagne che sembravano avere il nostro stesso obiettivo.
Purtroppo la nostra felicità era destinata a non durare: con il passare dei mesi abbiamo visto la speranza affievolirsi sempre più; mentre attorno a noi la Storia si muoveva imperiosa e il nemico sceglieva lo scontro, molti dei compagni attorno a noi sembravano volgere le proprie armi gli uni contro gli altri in un incomprensibile scontro fratricida. Ma quando già i compagni si preparavano alla disfatta, non solo è giunta la vittoria, ma anche la lacerazione profonda dell’avversario.
Con il cuore ancora gonfio di speranza abbiamo quindi spinto verso la carica definitiva, ma la lotta fratricida era ormai stata decisa.

Non è però nel nostro animo la resa, ancora aggrappati a quel sogno che ci ha spinti a metterci in cammino abbiamo nuovamente caricato sulle nostre spalle i nostri zaini e ci siamo messi in Movimento. Abbiamo incontrato nuovi compagni e con loro abbiamo detto ancora una volta “Facciamolo” oggi quindi riprendiamo il nostro cammino, sempre verso il sogno di una sinistra unita, forte e in grado di cambiare il nostro paese.

___

Roma – 25 Febbraio 2017

Francesco Tornaboni

http://www.esseblog.it

Nato geek e Infoumano per vocazione, sono fermamente convinto che le cose diano il meglio di se quando mescolate tra loro. Appassionato in egual misura d'informatica, storia, letteratura e politica. Attualmente lavoro come project manager per una nota agenzia pubblicitaria milanese.

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

La Sinistra, Politica Interna,

YouPorn o YouPolitik?

Racconto di un esperto in materia

«Dipende, da che dipende, da che punto guardi il mondo tutto dipende»   Jarabe de Palo aveva praticamente capito tutto: il mondo... [...]

di: Luigi Nappi,

La Sinistra,

L’ossessione di “non lasciare gli uomini soli di fronte alla potenza del denaro”

e quella per una sinistra unita, radicata e radicale

Stiglitz, premio Nobel per l'economia, definisce il neoliberismo come "estremismo di mercato" perché l'autonomia del mercato stesso ha... [...]

di: Chantal Samuele,

La Sinistra,

La sinistra non abbandoni l’ambizione del partito di massa

il movimento pattista deve essere il passato

In sostanza il referendum del 4 dicembre ci comunica una cosa molto semplice: un NO principalmente rivolto alla frammentazione partitica... [...]

di: Luigi Nappi,

Ritorna all'home page