Esse - una comunità di Passioni

Serra e Cacciari: i nuovi complici di “giovanotti avventurosi e forse avventurieri”

Che abbiamo da spartire noi con la sinistra depressa e sconfitta e ora schiava dell’ineluttabile?

di: Severo Laleo,

29 Mag 2016

Categorie: Italia, Politica Interna

Mentre leggo, oggi, grazie a FB, L’Amaca di Michele Serra su La Repubblica,

di colpo, istintivamente, il pensiero corre a un giovane liberale del Novecento,

Piero Gobetti. E capisco quanto sia stato pesante per l’Italia, per la democrazia

in Italia, aver lasciato in un colpevole dimenticatoio la cultura liberale,

quella costruita sull’esercizio critico e libero di ogni singola persona

nei confronti del Potere. E comprendo quanto sia e sia stata orfana

la nostra scuola dell’insegnamento di serietà di Gobetti, se anche il “moralista”,

in altre circostanze intransigente, Serra si rivela dipendente dalla cultura tipo

dell’italiano medio di sempre: un dannunzianesimo superficiale, pressapochista

e arruffone. E soprattutto senza impegno morale.

 

Scriveva Piero Gobetti: “La lotta tra serietà e dannunzianesimo è antica 

e senza rimedio. Bisogna diffidare delle conversioni, e credere più alla storia 

che al progresso, concepire il nostro lavoro come un esercizio spirituale, 

che ha la sua necessità in sé, non nel suo divulgarsi.

C’è un valore incrollabile al mondo: l’intransigenza e noi ne saremmo, 

per un certo senso, in questo momento, i disperati sacerdoti.”

E ancora: Abbiamo combattuto il fascismo e il mussolinismo

per un ideale di serietà non per sostituirvi degli altri avventurieri. 

Bisogna preparare ben altra rivoluzione nelle coscienze, bisogna 

dare agli italiani un senso realistico e capacità moderna di lotta politica, 

abituarli al sacrificio e all’intransigenza per le loro idee.”

Ecco, “abituarli all’intransigenza per le loro idee”: ma Serra e Cacciari

hanno rinunciato all’intransigenza e trovano al loro SI’ giustificazioni fuorvianti.

E superficiali. Esterne. Per colpa di generazioni.

 

Al di là di una discussione nel merito della Riforma Costituzionale,

comunque difficile da chiudere per ogni argomento con un SI’

o con un NO, costretti alla semplificazione di un voto, bisogna pur dire,

non democratico, perché obbliga a prendere o lasciare

in blocco (alle persone del popolo non s’addice forse il distinguere!),

pare scelta più saggia rifiutare l’argomentazione “ineluttabile” di Serra

(“la sola idea che accada è più convincente dell’idea che quella cosa 

possa essere sbagliata”), e accogliere semplicemente un civile,

questo sì nuovo, comportamento di serietà contro il dilettantismo,

di severità contro il pressapochismo, senza alcuna necessità di seguire,

cancellando la memoria, “giovanotti avventurosi e forse avventurieri”.

Si potrebbe dire: “Che abbiamo da spartire noi con la sinistra depressa 

e sconfitta e ora schiava dell’ineluttabile?

Forse proprio nulla.

O no?

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

La Sinistra, Politica Interna,

Comunismo Italiano e identità storica

Riflessioni su "Patria e Costituzione"

Deputati eletti in LeU ed economisti di scuola marxista hanno dato vita, in questi giorni, a un nuovo raggruppamento (se ne sentiva il... [...]

di: Franco Astengo,

Cultura, Politica Interna,

Rappresentanza politica e democrazia diretta

La democrazia diretta è il futuro?

"Rousseau non è una moda passeggera. La democrazia diretta e partecipata è il futuro". Nel giorno in cui il primo Cinque Stelle - il... [...]

di: Franco Astengo,

Ritorna all'home page