Esse - una comunità di Passioni

SIAMO TUTTI PORTOGHESI !

In difesa della democrazia

di: Alberto Rotondo,

2 febbraio 2016

Categorie: Archivio, Europa, Politica Estera

Ieri il Portogallo ha conosciuto una delle pagine peggiori della sua recente storia politica .
E’ successo che il presidente della repubblica Cavaco Silva , che nel Paese lusitano come da noi è il supremo garante della costituzione, ha deliberatamente  ignorato le indicazioni emerse dalle consultazioni con i partiti politici per la formazione del nuovo governo.
Come si sa  i partiti della sinistra parlamentare ( socialisti, comunisti, verdi e Bloco de esquerda),   forti di un consenso maggioritario in Parlamento e nel  Paese, avevano  rappresentato al presidente la loro ferma determinazione ad appoggiare un esecutivo di sinistra a guida socialista.
Il presidente ha invece preferito dare l’incarico a Passos Coelho, il premier uscente che, nonostante i funambolici tentativi dei media di presentarlo come il vincitore alle elezioni del 4 ottobre, è uscito pesantemente sconfitto dalle urne. La coalizione delle destre e dell’austerità neoliberista ha infatti perso un elettore su quattro e la maggioranza parlamentare che la legittimava alla guida del governo.

Come ha subito dichiarato Catarina Martins, la portavoce del Blocco di Sinistra, si tratta di una decisione molto grave .  Nonostante da un punto di vista formale la scelta di  Cavaco Silva debba considerarsi legittima, dal punto di vista della correttezza costituzionale è evidente il tentativo di “condizionare le decisioni dei deputati” , che dovranno comunque pronunciarsi sulla mozione di sfiducia che le sinistre presenteranno in parlamento.

Le parole con cui il presidente della repubblica ha accompagnato la decisione, poi,  sono gravissime e al limite dell’eversione costituzionale.  E non ha mancato di sottolinearlo la Commissione Politica del Partito Socialista, riunitasi ieri sera dopo l’annuncio del presidente, con un documento che stigmatizza il comportamento di Cavaco Silva che si colloca “al margine della democrazia” e assicura la presentazione di una mozione di sfiducia al neonato governo.

Ma cosa ha detto di grave il presidente portoghese ?

Ha affermato di non aver dato l’incarico al segretario del partito socialista perché la sua maggioranza non offre garanzie di rispetto per le opzioni strategiche del Portogallo e la sua appartenenza all’Unione Europea e alla Nato. Inoltre  ha avuto l’impudenza di  pronunciare le seguenti affermazioni :  “Se il governo formato dalla coalizione vincitrice può anche non assicurare interamente la stabilità politica della quale necessita il Paese,  considero molto più gravi le conseguenze finanziarie, economiche e sociali dell’alternativa chiaramente inconsistente suggerita da altre forze politiche”.

Peccato che né l’appartenenza alla Nato o all’Unione Europea, né la stabilità finanziaria sono  condizioni poste dalla costituzione portoghese per la formazione del governo . Mentre sicuramente lo è  il rispetto della volontà della stragrande maggioranza degli elettori che il 4 ottobre hanno detto No ai sacrifici imposti dall’Europa e dalla Troika  e desiderano un governo di alternativa e di cambiamento.

 

 

Alberto Rotondo

Vive a Catania. Attivista politico antirazzista, antisessista e antispecista. Si interessa di questioni economiche e di politica europea e internazionale.

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

Archivio, Politica Estera,

ATENE AL VOTO, VERSO LA RICONFERMA DI ALEXIS TSIPRAS

Una giornata al gazebo di Syriza

Percorrere in periodo elettorale le strade che ad Atene collegano Omonia a Syntagma, le principali piazze del centro cittadino, è... [...]

di: Alberto Rotondo,

Archivio, La Sinistra, Politica Estera,

DAL CENTRO ALLA PERIFERIA

Il ritorno della politica in Europa

Carlo Bastasin, nell’editoriale di oggi de Il Sole 24 ore, commenta la situazione politica tedesca riferendo delle difficoltà inedite... [...]

di: Alberto Rotondo,

Archivio, Politica Estera,

LA BANCA CATTIVA E LA BUONA POLITICA

Riflessioni sul caso spagnolo

Era il 2012 e il sistema bancario spagnolo stava collassando.La crisi finanziaria del 2008  si era abbattuta con particolare virulenza... [...]

di: Alberto Rotondo,

Ritorna all'home page