Esse - una comunità di Passioni

Sinistra Italiana: to be or not to be?

Non dobbiamo semplicemente "fare la sinistra", ma dobbiamo decidere di esserla azione per azione, tra le persone, nella società

Essere le strade delle nostre città,  essere i vicoli, i parchi abbandonati alla noncuranza. Essere le fabbriche chiuse e le file lunghe alle mense per i poveri.
Essere le serrande dei negozi chiusi, coi cartelli vendesi. Essere lontani 5000 chilometri da casa davanti ad un muro o al filo spinato, senza opportunità o facce amiche, e senza sapere cosa fare o dove andare. Essere a casa, magari con una laurea in tasca, ad inviare 5000 curricula a cui nessuno risponderà.

Essere l’ultimo di una fila infinita che non va avanti, essere le periferie disgregate delle nostre città. Essere un appartamento in cui vivono in 10 senza riscaldamento e scarico del bagno.  Essere il carcerato che dorme in una stanza di 20 metri quadri con altri 8 come lui. Essere il ragazzino che si fa il carcere per una canna. Essere il ragazzino che s’ammazza, perché per la società è un diverso e non ha diritto a vivere ed essere felice quanto gli altri.

Essere un padre o una madre di famiglia, disperati e disoccupati da 10 anni, costretti a dare i figli in affidamento per l’impossibilità di mantenerli.  Essere una ragazza che lavora come un mulo, per 7 euro e 50 l’ora di voucher incassabili in tabaccheria, che versa contributi e una pensione non l’avrà mai. Essere il commerciante o la professionista, taglieggiati e strozzati dalle mille mafie italiane. Essere i campi coltivati per i prodotti Made in Italy, che coprono barili interrati di scarti di produzione tossici non smaltiti. Essere coloro che quei campi li coltivano, lavorando in nero, sfruttati e invisibili.

Essere l’Italia che nessuno ha il coraggio e la forza di essere, perché non muove soldi, non paga campagne elettorali, non sceglie i consiglieri di amministrazione, non gestisce alcun potere.
Essere un punto di vista realmente diverso, per provare a migliorare le cose.

O non essere.

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

Cultura, La Sinistra,

Perché lascio il percorso di Sinistra Italiana

Lo struggente arrivederci di un compagno di strada

Ho lavorato per oltre un anno alla costruzione di un partito che fosse in grado di ridare respiro e voce a quanti in questo Paese si... [...]

di: Alberto Amariti,

Cultura, La Sinistra,

Appunti sugli ultimi 20 anni

Da Seattle a Oggi

Il mondo " nuovo", spalancato davanti agli occhi increduli di una sinistra che prima di non piacere non si piace più, appare fatto di... [...]

di: Vito Nocera,

Ritorna all'home page