Esse - una comunità di Passioni

Tra Bandiere BLU e “Oro NERO”

Considerazioni sull'importanza della salvaguardia del nostro patrimonio ambientale in seguito all'incidente petrolifero a Genova e alla pubblicazione dell'elenco delle Bandiere Blu 2016

di: Chiara Di Marcantonio,

21 Maggio 2016

Categorie: Politica Interna, Salute, Società

Alcuni giorni fa è stata pubblicata la lista delle località balneari italiane insignite del prestigioso vessillo “Bandiera Blu 2016”, riconoscimento conferito dalla FEE {Foundation for Environmental Education}.

L’iniziativa è stata istituita durante l’anno europeo per l’ambiente del 1987 e sono migliaia le spiagge premiate annualmente in 49 Paesi del mondo a cui il programma è stato esteso. La Bandiera Blu delle spiagge certifica la qualità delle acque di balneazione e dei lidi, mentre quella degli approdi turistici assicura la pulizia delle acque adiacenti ai porti e l’assenza di scarichi fognari.

Scorro l’elenco.

La Liguria anche quest’anno è la Regina delle coste italiane con ben 25 Bandiere Blu. L’importantissimo primato è stato ottenuto nonostante il gravissimo incidente avvenuto a Genova lo scorso 17 Aprile. Alle 19:33, tra l’altro proprio durante il Referendum contro le trivelle in corso, un tubo dell’oleodotto della raffineria Iplom si è rotto, provocando lo sversamento di centinaia di tonnellate di petrolio nel torrente Polcevera.

Ben sappiamo qual è stato l’esito del Referendum. Penso a quest’ultimo, all’astensionismo e al disinteresse della stragrande maggioranza dei cittadini e non posso non provare rabbia. Soprattutto perché incidenti simili potrebbero accadere ovunque. L’Italia è definita da sempre il “Belpaese” anche e soprattutto per il suo patrimonio naturale e ambientale, nonché per quello culturale e culinario. E tocca {o meglio, toccherebbe} a tutt* noi proteggerlo.

E’ stato davvero amaro il commento fatto da Santo Grammatico di Legambiente con cui non si può non concordare: “Questo incidente petrolifero è avvenuto a urne aperte {“Oltre al danno, la beffa”, n.d.a.}. Continuare a puntare sule energie fossili è un rischio enorme e i nostro sforzi per far capire ciò non sono stati sufficienti rispetto agli interessi in campo.”

Una cosa è certa. Il 17 Aprile è stata persa un’occasione. 15 milioni di persone sono andate a votare quel giorno, circa il 30% degli aventi diritto. Io sono tra quelle e ne vado fiera.

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

Politica Interna, Società,

Il BioTestamento è legge dello Stato

Il Senato finalmente approva una legge attesa da anni

Finalmente il BioTestamento è stato approvato dal Senato. Sulla mia bacheca Facebook compaiono numerosissimi articoli a riguardo. Ne apro... [...]

di: Chiara Di Marcantonio,

Politica Interna, Società,

LIBERO. Il confine tra giornalismo responsabile e idiozia

Oggi Libero si abbandona al vittimismo

TITOLO: La verità sui neri irrita. SOMMARIO: Furibondi attacchi a "Libero" per aver raccontato i motivi per cui la bimba di Trento,... [...]

di: Carlo Crosato,

Politica Interna, Società,

Dopo il lavoro, la Sanità!

la buona medicina, per sua stessa natura, respinge qualsiasi approccio che non sia totalmente disinteressato

Qualche giorno fa ho avuto modo di ascoltare a Cesena, in un’assemblea pubblica molto partecipata, l’intervento del Prof. Riccardo... [...]

di: Roberto Gramiccia,

Ritorna all'home page