Esse - una comunità di Passioni

Visto in TV

L'UMANISTA N. 18

di: Riccardo Ceriani,

1 ottobre 2016

Categorie: Italia, Politica Interna

R-Professor Zagrebelsky mi lasci parlare, io la rispetto e la seguivo tanti anni fa quando guidava con quell’auto senza servo sterzo e col cambio con la doppietta. Per me era un mito, sfrecciava per le strade che sembrava Zorro sul suo cavallo nero. Ma ormai quell’auto è vecchia e dovrebbe cambiarla…
Z- Si, ma vede, caro Renzi, io faccio regolarmente la revisione e ho messo pure la marmitta catalitica in questi anni, a me piace questa auto, sono capace di guidarla e la vorrei tenere ancora…
R-Si, ma non mi interrompa professore, stavo per dirle che ormai la sua auto è troppo lenta, io ho fretta, ho portato la bimba a danza, il maschietto in piscina e sto correndo a Palazzo Chigi che mi aspettano i sindacati che ci dobbiamo far pagare la pensione anticipata ai lavoratori, lei non dovrebbe occupare la strada…
Z- Ma, caro Presidente, io sto percorrendo la rotonda, ho la precedenza, lei si sta immettendo, dovrebbe rallentare o fermarsi, farmi passare e poi passare lei….invece ha tirato dritto e mi ha centrato in piena fiancata destra….guardi qui che danno…..
R- No, guardi, se la mettiamo così le dico subito due cose: la prima è che lei ormai è in pensione e non ha niente da fare in giro, mentre io devo correre a lavorare per il Paese, quindi è più importante che io passi per primo….
Z- Si, ma io mica posso vedere chi c’è alla guida di tutte le auto che incrocio…..adesso c’è lei, ma potrebbe esserci chiunque, la regola della precedenza serve a stabilire che chi sta sulla rotonda passa per primo e chi si immette deve aspettare, chiunque esso sia….
R- Eh, io la stimo professore, ma lei mi sta interrompendo ancora….
Z- No, io non la interrompo, cerco di rimanere sul merito della questione….
R- Guardi, il merito della questione, come cercavo di dirle, è che lei è lento e io veloce e voglio vedere chi ha il coraggio di dire che uno lento ha il diritto di frenare uno che sta correndo per andare a lavorare, suvvia, le sue passeggiatine possono aspettare, ma il lavoro no eh….e poi tutte ste rotonde!! Le avete fatte voi quando le auto erano lente e al lavoro anche se ci arrivavi tardi nessuno ti diceva niente…..ma i tempi son cambiati…ora le auto c’hanno il servo sterzo, il cambio automatico, il servo freno e quant’altro e poi ci sono pure le google car, che nemmeno ce l’hanno più il conducente-non si capisce cosa portano in giro, ma ci sono pure quelle- le rotonde non servono più a nessuno….che si facciano tutti rettilinei e la si smetta di frenare!!
Z- Ma, veramente, tutte queste cose che dice lei possono andare bene per alcuni, ma non per tutti e c’è una cosa che si chiama responsabilità e chi guida deve stare attento, rispettare le regole e non cambiarle tutti i giorni, se no non si capisce più nulla e solo alcuni andranno in giro in auto e tutti gli altri, quelli come me, dovranno stare a casa o ai giardinetti….le sembra giusto?
R- Qui non è questione di giusto o sbagliato, adesso non stiamo a perdere tempo a parlare di filosofia qui in mezzo alla strada che ci guardano tutti, e ci sono pure le telecamere che registrano, suvvia….dobbiamo sgomberare in fretta…qui è questione di chi ha ragione o no: io ho fretta e devo andar veloce, lei non ha niente da fare e potrebbe aspettare a passare….anche se arriva un po’ dopo non se ne accorge nessuno….e allora vede che la regola non serve per evitare gli incidenti, ma serve per rallentare le cose ? È trent’anni che c’è questa regola, e sarà arrivato il momento di cambiarla…..guardi, la nuova regola dovrebbe essere questa- adesso appena mi libero delle pensioni, vedrà che ci metto mano- ci vuole un’app che uno guarda prima di uscire di casa: se vedi che dove devi andare tu ci va anche uno che ha più fretta perché è più giovane o c’ha una macchina più veloce, stai a casa o cambi itinerario, e le strade sono tutte dritte…..bellina eh ? Vero ? Suona bene eh?….
Z- Si, suona bene e detta da lei, Presidente, suona ancora meglio……ma guardi che una cosa così rallenterebbe tutti perché anche chi va veloce dovrebbe consultare l’app prima di uscire e sono tante le persone che dovrebbe incrociare e gli itinerari possibili, alla fine passerebbe più tempo sull’app che in macchina andando piano piano con le regole di adesso…..mi sembra ovvio e ragionevole
R- Guardi, adesso non c’è tempo per parlare di ‘ste cose, intanto io appena posso ci metto mano e poi vediamo…
Z- Va bene, ma adesso cosa facciamo? Lei non ascolta le mie ragioni, quindi dobbiamo chiamare i vigili che stabiliscano chi ha torto e chi no…
R- Si, si, certo, ma non vada a chiamare lei che a trovare una cabina telefonica oggi è un macello e magari non c’ha nemmeno la moneta….stia qui buonino….chiamo io con lo smartphone che c’ho pure la promozione che mi ridanno il doppio dei minuti che uso……vedrà che i vigili….capiscono che era lei a intralciare il traffico, mica io che non conosco il codice della strada…..ci mancherebbe……

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

Politica Interna,

Riformisti pre-elettorali

fanno una riforma al ribasso

L’attenzione del mondo politico sembra tutta rivolta verso la nuova (ennesima) legge elettorale, ma questi sono anche i giorni della... [...]

di: Franco Astengo,

Politica Interna,

Approvato alla Camera il Rosatellum Bis

sicuramente i 2/3 dei parlamentari sarà nominata dalle segreterie di partito

La Camera dei deputati ha appena approvato la nuova legge elettorale mista maggioritario / proporzionale con il voto automaticamente... [...]

di: Franco Astengo,

Politica Interna,

La fiducia sulla legge elettorale

uno sfregio alla democrazia

La ministra per il Rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro, ha posto nell'Aula della Camera la questione di fiducia sulla proposta di... [...]

di: Franco Astengo,

Ritorna all'home page