Esse - una comunità di Passioni

I vortici elettrizzanti di Ennio Calabria

Ennio Calabria in mostra a Roma

di: Roberto Gramiccia,

3 Dicembre 2018

Categorie: Arte, Cultura

Scrivere di Ennio Calabria è un privilegio.
Mi è capitato altre volte, ma oggi lo voglio fare in modo diverso.
Vorrei trasmettere, cioè, non un’idea o un insieme di idee su di lui e sulla sua ricerca pittorica ma piuttosto il senso fisico di una necessità: come mangiare, bere, respirare.
Parlo della necessità, anzi dell’urgenza di non perdere la grande retrospettiva ottimamente curata da Gabriele Simongini e allestita, come meglio non si poteva, con il contributo prezioso di Rita Pedonesi, che, fino al 12 gennaio, sarà visitabile al Museo di Palazzo Cipolla di Via del Corso a Roma.

Si deve correre a divorare questa mostra perché, semplicemente, non si può rinunciare al piacere corroborante, elettrizzante, ri-costituente (dicevano i vecchi medici condotti) che ti invade quando entri nelle grandi sale del museo romano e ti immergi nell’ampia selezione di opere offerta a testimoniare l’intero arco della lunga carriera del pittore di Tripoli.
Quanto questa sensazione, in un tempo di mortificante e sistematica banalizzazione estetica culturale e politica, possa essere “terapeutica” penso di poterlo dire, non solo da critico ed estimatore, ma anche e soprattutto da medico.

Che l’arte rappresenti una risposta formidabile, primordiale e metastorica all’angoscia che deriva dalla fatica di “vivere per dover morire” è tesi che più volte mi è capitato di enunciare e difendere, spesso in contrasto con chi dell’arte ha una visione diversa, succube di paradigmi interpretativi che con l’origine e la natura più profonda di essa hanno molto poco a che vedere.
Ebbene le oltre ottanta grandi, medie e piccole opere di Calabria, gli oli e i pastelli, le imponenti e mirabolanti composizioni, come i ritratti di lancinante salienza e i numerosi storici manifesti realizzati per la CGIL, ti avvolgono e ti sollevano, strappandoti per un po’ alle miserie e alle noie del quotidiano.

A farlo contribuisce, oltre alla qualità altissima della sua pittura, l’ardimento visionario e spregiudicato di chi falsifica sistematicamente la prospettiva lineare, come nota bene Alberto Olivetti nella sua rubrica settimanale su il Manifesto.
In questo senso Calabria è un pittore profondamente antirinascimentale. Un esploratore (un facitore) della Storia che va oltre un visione positivistica, razionale e rassicurante, per abbracciare piuttosto un punto di vista, o meglio una pluralità di punti di vista, in grado di prenderti e spingerti nella dimensione anomica di una realtà in cui oggetto e soggetto si confondo e il tutto (l’intero), magicamente, si ricompone.

E allora i vortici e gli azzardi prospettici del pittore nulla hanno a che vedere con un virtuosismo (seppure sorprendente) fine a se stesso ma, invece, realizzano un piano di micidiale efficacia.
Cacciare da noi l’umanissima ma povera cura del nostro guicciardiniano “particulare” per aprirci alla complessità del mondo e della storia.

Ecco, l’arte di Ennio Calabria è in grado di metterci, attraverso una prepotente sollecitazione dei sensi, nella condizione di aderire a quella sostanza infinita ed eterna di cui siamo modi ed espressioni particolari.
Ciò che gli orientali fanno con la meditazione e il distacco, questo pittore riesce a fare con la luce, la materia e il colore.

Provare per credere.

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

Cultura,

L’Utopia tra ‘Blade Runner’ e ‘Il Pianeta delle Scimmie’

Il socialismo è contemplato nel cinema e nella letteratura?

Ricordo ancora una lezione ai tempi del Liceo quando ci fece presente la nostra professoressa che La nuova Atlantide fosse l'ultima opera... [...]

di: Guido Rovi,

Cultura, La Sinistra,

Ricominciamo dal festival di Sanremo

Quando la musica è più avanti della politica

Ecco, si è toccato il fondo. La sinistra non c’è più, solo un naufrago che annaspa aggrappato alla tavoletta di legno del tre per... [...]

di: Riccardo Caporali,

Cultura,

Grazie a Roberto Gramiccia scopriamo la bellezza della fragilità

Inaugurata la mostra "Dimensione Fragile"

Evidentemente il tema della fragilità coinvolge molte persone, in fondo tutte, perché nessuna può fare a meno di confrontarsi con essa.... [...]

di: Vittorio Bonanni,

Ritorna all'home page