Esse - una comunità di Passioni

IL MODELLO EXPO, NEL SEGNO DELLA CONTINUITA’

Riflessioni a margine di un premio speciale assegnato a Letizia Moratti, Giuliano Pisapia e Giuseppe Sala.

di: Alberto Rotondo,

31 Gen 2016

Categorie: Archivio, Politica Interna

Non conosco Milano, anche se ogni tanto la frequento, lì vive infatti una parte importante della mia famiglia.
Anzi devo proprio  confessare una certa diffidenza , sicuramente  ingenerosa ma altrettanto inevitabile , per una città che è anche uno stile di vita assai lontano da quello a cui siamo abituati noi pazienti abitanti del profondo sud.

Una diffidenza che spesso,  per un malato di siculitudine come me, sconfina nel disprezzo per la tanto decantata buona borghesia milanese, sempre pronta a mettersi sul pulpito con le sue presunte virtù civiche salvo poi constatare che esse hanno generato le peggiori culture politiche della storia unitaria : dal fascismo  alla Milano da bere di Pillitteri e Craxi, dal berlusconismo al fascioleghismo  padano.
Non sono  la persona più adatta, quindi, per esprimere giudizi sulla qualità della vita sociale e politica di quella che è stata definita “la capitale morale di Italia”, ma allo stesso tempo so bene che molte volte Milano è stata l’incubatrice di esperienze e trasformazioni che hanno segnato la storia politica di Italia e per questo motivo ritengo che si debba prestare la massima attenzione a quanto accade in riva ai Navigli.
Qualche mese fa mi capitò di parlarne con un professore bocconiano, incontrato ad un corso di specializzazione. Un napoletano simpatico e gentile, ma sin troppo orgoglioso per i tre quarti di nobiltà che gli attribuiva la milanesità  e il titolo accademico acquisito. Uno dei tanti esempi del provincialismo meneghino, insomma.
Durante la pausa caffè gli chiesi cosa ne pensasse della giunta Pisapia. Lui mi rispose che in realtà non sapeva esprimere un giudizio, dal suo punto di vista Pisapia non aveva fatto nulla, stava raccogliendo semplicemente i frutti dell’amministrazione Moratti.
Premetto che non condivido affatto il suo pensiero e ritengo che la giunta Pisapia possa aver espresso qui e là qualche esempio di buona amministrazione, non era difficile peraltro dopo un ventennio di  giunte  di destra.  E’ troppo  vivo nella mente il ricordo delle vergognose ronde padane, per non riconoscere gli sforzi  di tanti milanesi, nelle istituzioni come nel mondo del  volantariato, per rendere meno indegna l’accoglienza ai migranti in transito nella città.

Sono però convinto che nella battuta del professore bocconiano vi sia un fondo di verità . Dispiace che  vi sia qualcuno a sinistra che sembra non accorgersene, cosa di cui invece si sono accorti benissimo nelle sedi che contano.
Ieri il consiglio di amministrazione dell’ ISPI ( l’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale), che dal mese di aprile è presieduto da Giorgio Napolitano, ha assegnato a Letizia Moratti, Giuliano Pisapia  e Giuseppe Sala  un premio speciale “per l’impegno nell’ideazione, realizzazione e gestione di Expo 2015”.

L’Ispi è il parente povero  della Foreign Policy Association di New York e appartiene a quella misteriosa categoria di istituzioni che la neolingua della globalizzazione chiama Think Tank e che chi ha letto Gallino riconosce come “gli organi informali di governo del finanzcapitalismo” .
Non penso che il premio sia arrivato per caso, nel pieno del dibattito sulle recenti scelte di Renzi e del suo governo, che ha parlato  per la capitale di modello Expo, dopo aver nominato il prefetto di Milano commissario del comune di Roma.
Il riconoscimento  si preoccupa di rendere manifesto a tutti noi il pensiero prevalente della buona borghesia milanese, bocconiana e non: l’esperienza della giunta Pisapia è collegata a quella di Letizia Moratti e l’anello di congiunzione è rappresentato da Giuseppe Sala, direttore generale a Palazzo Marino nell’era Moratti e celebrato commissario straordinario dell’Expo dei “miracoli” ai giorni nostri.
L’uomo giusto da candidare a sindaco della città.
Ho seguito con un certo distacco le solite polemiche a sinistra sulle alleanze, perché ritengo  che il compito di elaborare programmi e alleanze in sede locale deve restare di esclusiva pertinenza dei territori.

Sarebbe assurdo oltre che antidemocratico imporre dall’alto delle scelte, che devono vivere poi  nelle gambe e nei cuori di chi quelle scelte li deve interpretare nella concretezza di una campagna elettorale e successivamente nelle istituzioni.

Proprio per  questo  mi permetto soltanto di suggerire ai compagni milanesi che hanno sostenuto e partecipato  all’esperienza di governo di Pisapia e  che pensano di darle continuità, di riflettere sulla vera continuità che stanno preparando le classi dirigenti per il futuro della loro città.
Una continuità che ha un nome Giuseppe Sala , un mentore Matteo  Renzi e un gran cerimoniere Giorgio Napolitano, nelle sue attuali vesti di presidente onorario dell’Istituto di Studi Politici Internazionali.

Alberto Rotondo

Vive a Catania. Attivista politico antirazzista, antisessista e antispecista. Si interessa di questioni economiche e di politica europea e internazionale.

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

Archivio, La Sinistra, Politica Interna,

SINISTRA UNITA, UNA SFIDA PER IL FUTURO

Eppur (qualcosa) si muove !

L’annuncio della costituzione di gruppi unitari della sinistra in Parlamento è un’ottima notizia. Come lo è l’avvio di un processo... [...]

di: Alberto Rotondo,

Archivio, Politica Interna,

LA LOTTA DI SILVIA

L'emergenza abitativa a Catania

Anche a Catania è emergenza abitativa. Secondo i dati contenuti in un dossier della SUNIA e della CGIL  , “nel 2014 sono stati eseguiti... [...]

di: Alberto Rotondo,

Archivio, Politica Interna,

LE PORTE GIREVOLI

La corruzione, la lotta dei forestali in Sicilia e il silenzio dei media.

L’art. 318 del codice penale disciplina il reato di corruzione per atto d’ufficio, condannando alla pena della reclusione  “il... [...]

di: Alberto Rotondo,

Ritorna all'home page