Esse - una comunità di Passioni

Grazie a Roberto Gramiccia scopriamo la bellezza della fragilità

Inaugurata la mostra "Dimensione Fragile"

di: Vittorio Bonanni,

26 gennaio 2018

Categorie: Arte, Cultura, Eventi

Evidentemente il tema della fragilità coinvolge molte persone, in fondo tutte, perché nessuna può fare a meno di confrontarsi con essa. Forse per questa ragione l’inaugurazione della mostra “Dimensione fragile”, realizzata da Roberto Gramiccia, che si è tenuta il 20 gennaio (aperta fino al 24 febbraio) presso la Biblioteca Vallicelliana a Roma, ha riscontrato un grande successo di pubblico (oltre seicento persone si sono messe in fila per visitarla). La fragilità è senza tema di smentita la caratteristica che accomuna tutti gli umani, senza distinzione alcuna. Chi tra di noi può considerarsi non fragile? Nessuno. Né il più ricco tra gli uomini o tra le donne, né chi ha raggiunto un ottomila metri senza ossigeno o sfidato i nazifascisti durante la Seconda guerra mondiale. Queste persone che abbiamo citato l’hanno sfidata la fragilità e dunque la morte, come colui che non si arrende di fronte ad una malattia apparentemente incurabile.
 
Naturalmente chi vive ai margini di questo mondo, che non avrei timore a definire cinico, dove i più poveri vivono in balia di una condizione di rinnovata schiavitù del XXI secolo, è fragile per eccellenza ma proprio da questa sua disperata condizione può scaturire qualcosa di grandioso, come successe nell’800 e nel ‘900 quando chi non aveva nulla da perdere fuorché le proprie catene ha rivoluzionato il mondo. Questa tematica, così centrale nella storia dell’umanità, è il tema portante appunto del libro di Roberto Gramiccia, “Elogio della fragilità” (Mimesis, pp 128, euro 12,00), giunto alla sua seconda edizione, dalla pubblicazione del quale sono scaturite due brillanti iniziative: un “Manifesto della fragilità”, firmato da politici, artisti, scrittori, che hanno voluto così manifestare la loro adesione e sensibilità nei riguardi del dramma della condizione umana per eccellenza; e poi la citata mostra dove viene presentato il manifesto e le 200 opere fragili esposte da altrettanti artisti che verranno donate alla Biblioteca Vallicelliana per la creazione di una collezione che verrà incrementata nei successivi appuntamenti annuali in biblioteca.
 
Tra i relatori, oltre allo stesso Gramiccia, ci sono stati Paola Paesano, direttrice della Biblioteca, Alberto Dambruoso, storico dell’arte, e Giorgio De Finis, nuovo direttore del Macro. Perché questi artisti in una mostra sulla fragilità? “Perché in qualche modo, in determinati periodi, per attitudine poetica, metodo o linguaggio, hanno creato le loro opere nel segno della fragilità” si legge nella presentazione della mostra. I lavori presenti sono di piccolo formato 14×20, “piccole carte tenute insieme da un comune sentire e che nella loro lettura unitaria e complessiva possono restituire il senso del movimento”. Insomma, l’idea della fragilità, malgrado la sua apparente negatività, sembra essere tutt’altro. Libri, mostre, dibattiti, ricerche sono i bei frutti nati da un albero apparentemente in decadenza e invece pieno ancora di vitalità.

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

Cultura,

A proposito dei Faccioni di Eva Macali

Sguardi come vettori, indici che dipartono dagli occhi verso il mondo mentre anche il mondo li colpisce

Questi giorni se si entra nei locali del Centro Luigi Di Sarro in via Paolo Emilio a Roma, luogo dedicato a questo medico ed artista... [...]

di: Vittorio Bonanni,

Cultura,

I vuoti e i pieni di Mojmir Jezek

Al Centro Luigi Di Sarro di Roma la mostra "Sferica"

Chi non ricorda, soprattutto tra i lettori di Repubblica ma non solo, Mojmir Jezek, autore di quegli splendidi cuori che decorano la... [...]

di: Vittorio Bonanni,

Cultura,

KENSINGTON GARDENS : QUAL È IL MIO POSTO NEL MONDO ?

Una recensione su un testo teatrale di drammatica attualità

Applauditissimo al Sala Uno Teatro, va in scena fino al 6 marzo, KENSINGTON GARDENS, terzo lavoro di Giancarlo Nicoletti, drammaturgo e... [...]

di: antonio mazzuca,

Ritorna all'home page