Esse - una comunità di Passioni

Articolo 18: il liberismo al ribasso

La storia è a un passo dal baratro: o ci cadiamo noi, o ci cade il sistema capitalista.

di: Boff,

26 Feb 2017

Categorie: Diritti, Italia, Lavoro, Politica Interna, Società

“Sai che l’Articolo 18 dello Statuto dei lavoratori c’è ancora, vero?” è la principale replica che si sente in difesa dei provvedimenti renziani su questo argomento. Poco importa che sia stato svuotato del suo ruolo protettivo: rimane. Per loro ciò che conta è questo: la finzione e l’apparenza.

L’accusa all’Articolo 18 era la sua iniquità: proteggeva alcuni, i dipendenti delle aziende più grandi, non riguardava altri, quelli delle aziende più piccole. La soluzione a una disparità oggettiva è stato il livellamento: puntare al ribasso conferma chi già ha e a pagare sono coloro che hanno meno.

Il canale di soluzione del neoliberismo è questo: di fronte a un problema che si evidenzia con disparità di trattamento, la proposta è l’abbassamento delle condizioni per tutti. Lo è stato in Italia con i “patti di stabilità”, prima, con il pareggio di bilancio in Costituzione, poi; lo è su scala internazionale, con la delocalizzazione e con i flussi di ritorno, dove per recuperare occupazione si spinge i lavoratori a rinunciare ai diritti acquisiti, abbassando il proprio livello a quello di stati dove tali conquiste non sono ancora acquisite. l’Articolo 18 ha precedenti altisonanti.

Questi eventi dovrebbero farci riflettere su due elementi: l’insensatezza della strada neoliberista e l’intrinseca malvagità che risiede in essa.

Il semplice uso della logica, indirizzata al bene comune, avrebbe portato a risolvere le disparità dell’articolo 18 con una sua estensione: estensione ad altri contratti, estensione ad altre aziende e così via. Coprire più persone con diritti certi nel campo del lavoro e non ridurre i diritti di alcuni, per pareggiare i conti con chi diritti non ne ha.

L’articolo 18 non è la guerra: è solo un campo di battaglia. Eppure il licenziamento indiscriminato oggi permesso – nonostante esteriormente possa non sembrare così – è un danno diretto alle persone. Risiede lì la malvagità: nel distruggere le vite, nel contorcerle, nel rendere il nostro tempo una servitù ad altri.

Il punto critico è prossimo: a forza di togliere diritti parziali o integrali, l’intero mondo del lavoro si trasformerà in qualcosa d’altro. Sta al sistema scegliere se proseguire questa strada o intraprenderne un’altra.

C’è chi sostiene che non esista alternativa: solitamente la loro replica più brillante è sulla linea di “Hai visto cos’è successo al comunismo”. Rimane la percezione di un mondo con due soli possibili paradigmi economico-sociali: quello capitalista e quello marxista. Chi ha studiato un poco sa che di paradigmi ne esistono molti; chi ha ascoltato alcuni degli esponenti più illuminati ne conosce anche alcuni. E non dobbiamo dimenticare che i paradigmi nuovi non sono mai prevedibili e comprensibili fino in fondo prima che si avverino. Certo, si tratta di guidare un po’ alla cieca, ma sarebbe pur sempre un guidare conoscendo la direzione e affidandosi a una strada da costruire passo passo. Ma insieme, senza lasciare nessuno indietro.

La storia è a un passo dal baratro: o ci cadiamo noi, o ci cade il sistema capitalista.

Ho anche sentito collegare l’articolo 18 al merito, ma questa è un’altra favola nel tomo del delirio renziano…

Condividi:

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on VKPin on Pinterest

La Sinistra, Politica Interna, Società,

Francesco Samuele: Aboliamo il Jobs Act e ripristiniamo l’Articolo 18

Intervista per "Alice non lo sa"

Pubblichiamo l'intervista rilasciata da Francesco Samuele al magazine online "Alice non lo sa".     Il Pd è dato in crisi... [...]

di: Associazione Esse,

Politica Interna, Società,

Due Sì per cambiare l’Italia

Una breve guida per vederci chiaro sui referendum del 28 Maggio

Il 28 Maggio prossimo - in una unica giornata - si vota per i due referendum sul lavoro promossi, principalmente, dalla CGIL. I quesiti... [...]

di: FabioAmodio78,

Politica Interna, Società,

Fertility day: per la famiglia servirebbe ben altro

Una sinistra seria non può limitarsi alla critica

Da un mesetto impazza la campagna becera, per la quale la Ministra Lorenzin dovrebbe dimettersi, del fertility day. Il giorno della... [...]

di: Antonino Martino,

Ritorna all'home page